La scomparsa della compagna IONE BAGNOLI

jone
Il CCCM annuncia, con profondissimo dolore, la scomparsa della compagna IONE BAGNOLI.

Ione, che aveva 92 anni, è stata tra le fondatrici del nostro Centro Culturale.

Iscritta, già da ragazza, al PCI, dopo lo scioglimento dello stesso, ha militato nel PRC e infine in Sinistra Italiana.

Entrata nella CGIL, è diventata una dirigente di primo piano della FIOM milanese, dove ha diretto, per diversi anni, la rivista “Il Metallurgico”, periodico dei metalmeccanici.

Infine è stata membro della Segreteria regionale lombarda della CGIL.

In questi organismi è stata una formidabile ed instancabile formatrice di quadri femminili, molti dei quali hanno poi ricoperto importanti incarichi sindacali e politici.

I funerali si svolgeranno a Milano venerdì 22 novembre, alle ore 15, presso la Sala delle cerimonie del cimitero di Lambrate.

L’EQUIVOCO MILANO TRA BOSCO VERTICALE E MENSA DEI POVERI

di Bruno Casati*

La “mensa dei poveri”, alla quale oggi sta guardando la Magistratura, non è certo quella che tutti i giorni dà da mangiare a immigrati, pensionati, disoccupati e precari: questa la gestiscono la Caritas e altre anime belle. No, è l’altra, è il ristorante, a due passi dalla Regione Lombardia, dove, già a suo tempo, si incontravano tutti quei personaggi che poi si trovarono insieme a salire lo scalone del Palazzo di Giustizia, per poi ridiscenderlo in manette per essere accompagnati a San Vittore. Quella era la Milano di Tangentopoli. Continua a leggere

APPELLO AL VOTO

IL CENTRO CULTURALE

“CONCETTO MARCHESI”

PER IL VOTO A  “LA SINISTRA”

L’UE STA FAVORENDO  LA SVALUTAZIONE DEL LAVORO E LA CONSEGUENTE CADUTA DI SPERANZA SOPRATTUTTO PER LE GIOVANI  GENERAZIONI.

OGGI SI DISCUTE SOLO DI LOTTA AL DEFICIT E SI E’ ABBANDONATA QUELLA ALLA MISERIA, LASCIANDO COSI’ ESPLODERE LE DISUGUAGLIANZE, SI STA DEMOLENDO LO STATO SOCIALE.

E’ IN QUESTO CONTESTO CHE I NAZIONALISMI DILAGANO. LA SITUAZIONE E’ DRAMMATICA E LO E’ ANCOR PIU’ IN ITALIA CHE AGGIUNGE LA SUA CRISI DEMOCRATICA A QUELLA DELL’UE.

OGGI, COME E PIU’ DI IERI, E’ INDISPENSABILE, IN ITALIA E IN EUROPA, RIVENDICARE DIRITTI CONCRETI  DA CONQUISTARSI NELL’ALVEO DI  IDEALI ABBANDONATI COME L’UGUAGLIANZA, LA SOLIDARIETA’, LA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA CHE CANCELLINO LA CENTRALITA’ DISTRUTTIVA CHE SI E’ LASCIATA ASSUMERE ALLA FINANZA. MA I GOVERNANTI DELL’UE NON SI DEBBONO PIU’ NASCONDERE DIETRO TRATTATI CHE POSSONO, DEVONO ESSERE CAMBIATI.

A TAL FINE E AFFINCHE’ IL LAVORO RITORNI, IN EUROPA E IN ITALIA, POLITICAMENTE CENTRALE COME, INASCOLTATO LO E’ SOCIALMENTE, E’ NECESSARIO PRESENTARE AL VOTO, GIA’ IN ITALIA, UNA FORZA POLITICA DEL LAVORO E DELLA DIGNITA’ CHE, IN EUROPA SI UNISCA AD ALTRE FORZE CHE VADANO NELLA STESSA DIREZIONE

QUESTA FORZA E’:   “LA SINISTRA” CHE  NEL PARLAMENTO  EUROPEO FARA’ RIFERIMENTO AL GUE.

PERTANTO IL 26 MAGGIO VOTA

“LA SINISTRA”

E ESPRIMI LA PREFERENZA PER:  

RAHEL SEREKE

ROBERTO GIUDICI